Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DISPAA Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente

DICFAGOQUAL

logologologo dispaa

 

DICFAGOQUAL
FARRO E GRANO SARACENO: VALORIZZAZIONE DI
PRODUZIONI LOCALI DELLA GARFAGNANA E SVILUPPO DI UNA
FILIERA DEDICATA DI QUALITÀ

Misura 124 - Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Regione Toscana - Reg. CE n. 1698/2005
Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare
Bando n 9 GAL GARFAGNANA AMBIENTE E SVILUPPO
Settore di riferimento: CEREALICOLO

 

Soggetti partecipanti


  • GARFAGNANA COOP ALTA VALLE DEL SERCHIO SOC COOP ARL (Capofila) – Sillicagnana San Romano in Garfagnana Lucca (garfagnanacoop@tiscali.it). Legale rappresentante Lorenzo Satti.
  • DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI E DELL’AMBIENTE (DISPAA) – Università di Firenze (Partner)

Responsabile scientifico
Prof. Remigio Tallarico
Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente
Università di Firenze
Piazzale delle Cascine, 18 – 50122 Firenze
E-mail: remigio.tallarico@unifi.it - Tel. 055 2755708/5709

 

Gruppo di ricerca


Prof. Stefano Benedettelli, Dott.ssa Lisetta Ghiselli, Dott. Sigfrido Romagnoli, Dott.ssa Anne Whittaker, Dott. Adriano Baglio, Antonio Pellanda.

 

Il progetto DICFAGOQUAL in sintesi


Il grano saraceno è una pianta che ha strette analogie con i cereali sia per le modalità di coltivazione, sia per le caratteristiche qualitative e tecnologiche della granella e per la destinazione alimentare.
Malgrado queste strette analogie il grano saraceno non appartiene alla famiglia delle graminacee, bensì alla famiglia botanica delle Poligonacee ed è pertanto definito pseudocereale. Questa specie è considerata in molti paesi come una pianta caratterizzata da proprietà salutari per la sua ricchezza di antiossidanti (flavonoidi, vitamine), microelementi e fibra alimentare. Il grano saraceno proprio per la ricchezza e la qualità delle sostanze fitochimiche presenti negli acheni è tra i cereali uno dei più interessanti sotto il profilo salutistico-nutrizonale. La coltura del grano saraceno così come quella del farro non necessita di agrotecniche intensive al contrario si avvantaggia di tecniche colturali semplificate e a basso impatto ambientale.

 

Gli obiettivi

  1. costituire e sostenere una filiera locale basata sulla produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti derivati dal grano saraceno e dal farro valorizzati sotto il profilo nutrizionale e funzionale a tutto vantaggio della salute del consumatore, tenendo conto anche di una possibile entrata in vigore di regolamenti comunitari che prevedono la “certificazione salutistica” in etichetta del prodotto;
  2. salvaguardare la biodiversità dell’ambiente e la fertilità del suolo nel rispetto dell’ambiente circostante;
  3. avviare una filiera corta “tracciabile” per l’ottenimento di prodotti locali a garanzia del produttore, trasformatore e del consumatore.

 

Fasi di attuazione del progetto

Fase 1: attuazione dell’avvicendamento colturale e produzione di semente per la fase di divulgazione e promozione della filiera: azione 1 - preparazione e reperimento semente da usare nei sovesci; azione 2 - messa a coltura di superfici di dimensioni di circa 0,5 ha per avviare il sistema colturale che prevede l’avvicendamento del farro con il grano saraceno e il sovescio.

Fase 2: analisi chimiche della granella prodotta: azione 1 - controllo dell’eventuale presenza di micotossine, azione 2 - qualità commerciale della granella e qualità della farina, azione 3 - analisi chimiche del contenuto in macro e microelementi, azione 4 - analisi del contenuto in metaboliti secondari e del potere antiradicalico, azione 5 - prove di utilizzazione diretta della granella e sua trasformazione (pasta fresca, pasta secca, polenta, biscotti, pane, ecc.).

Fase 3: Divulgazione

IL GRANO SARACENO - Strategie per un ritorno della coltura in Garfagnana e nelle aree vocate d’Italia - R. Tallarico, L. Ghiselli, S. Romagnoli

 
ultimo aggiornamento: 05-Ago-2015
Unifi Home Page

Inizio pagina