Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DISPAA Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente

Saraceno Umbria

logo logo dispaa

 

SARACENO UMBRIA
GRANO SARACENO: COLTURA PER LE AREE MONTANE UMBRE IDEALE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

Programma di sviluppo rurale per l’Umbria 2007-2013
Asse 1 - Misura 1.2.4 “Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale”. Termini e modalità per la presentazione delle domande e disciplina del procedimento amministrativo - IV fase di attuazione.

 

Soggetti partecipanti


  • AZIENDA AGRICOLA di COCCIA SANTE – Norcia (PG) (parco sereno@libero.it). (Capofila)
  • MOLINO SILVESTRI VINICIO snc - Torgiano PG (molino silvestri@gmail.com). (Partner).
  • DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI E DELL’AMBIENTE (DISPAA) – Università di Firenze. (Partner).
  • SOCIETÀ 3A PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL’UMBRIA (3A-PTA) - Todi (PG) – Legale rappresentante Sisti Andrea. (Partner).

 

Responsabile scientifico


Prof. Stefano Benedettelli
Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente
Università di Firenze
Piazzale delle Cascine, 18 – 50122 Firenze
E-mail: stefano.benedettelli@unifi.it - Tel. 055 2755705/5709

 

Gruppo di ricerca


Prof. Remigio Tallarico, Dott.ssa Lisetta Ghiselli, Dott. Sigfrido Romagnoli, Dott.ssa Anne Whittaker, Dott. Adriano Baglio, Dott.ssa Luisa Andrenelli, Antonio Pellanda.

 

Obiettivi

individuare e caratterizzare sotto il profilo funzionale alcuni genotipi di grano saraceno idonei alla coltivazione nei comprensori montani dell’Appennino Umbro

  1. costituire e sostenere una filiera locale basata sulla produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti derivati dal grano saraceno valorizzati sotto il profilo nutrizionale e funzionale a tutto vantaggio della salute del consumatore, tenendo conto anche dell’avvenuta entrata in vigore del regolamento comunitario (reg. (UE) n° 432/2012) che disciplina le indicazioni sulla salute autorizzate sulle etichette dei prodotti alimentari, nonché della prossima introduzione dell’obbligo dell’etichetta nutrizionale;
  2. valutare l’effetto di una dieta a base di alimenti contenenti grano saraceno in particolare pasta e pane su pazienti con diabete. I pazienti che saranno selezionati sono quelli con diabete mellito tipo 2, prima dell'inizio della potenziale malattia coronarica
  3. realizzare attività di divulgazione al fine di comunicare l’importanza della produzione di grano saraceno sia per gli agricoltori, come coltura alternativa a basso impatto ambientale, sia per i consumatori grazie alle sue caratteristiche nutraceutiche.

 

Azioni progettuali

Azione 1 - Valutazione dell’adattamento del grano saraceno all’ambiente montano umbro e qualità della granella.
Azione 2 - Prove per l’utilizzazione diretta della granella e sua trasformazione (pasta fresca, pasta secca, farina per polenta, biscotti, pane).
Azione 3 - Valutare l’effetto di una dieta a base di alimenti contenenti grano saraceno (pasta e pane) su soggetti  con problemi di diabete.
Azione 4 – Attività di divulgazione del progetto e dei risultati.

 
ultimo aggiornamento: 04-Ago-2015
Unifi Home Page

Inizio pagina