Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DISPAA Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente

William Antonio Petrucci

Dati personali


   

William Antonio Petrucci

Qualifica: Assegnista

DISPAA - Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente

sede centrale e ufficio - piazzale delle Cascine, 28 - 50144 - FIRENZE

Contatti:

e-mail: williamantonio.petrucciatunifi.it


 


CV

Da ottobre 2014 a febbraio 2016

Borsa di studio post laurea “Caratterizzazione morfologica e genetica di piccoli frutti e propagazione del mirtillo spontaneo dell’Abetone(ottobre 2014-aprile2015)” e  Assegno di ricerca dell’Area tecnologica per lo svolgimento di attività di ricerca “Individuazione e caratterizzazione di varietà ed ecotipi di Vaccinium spp.  (maggio 2015-maggio 2016)” presso Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente (DISPAA) dell’Università di Agraria di Firenze.
Il Sottoscritto, ha individuato un’azienda operante nel campo della trasformazione dei piccoli frutti che ha fornito mirtilli selvatici (Vaccinium myrtillus L.) freschi della zona da impiegare nelle analisi di laboratorio ed organolettiche svolte presso il Dipartimento e presso l’azienda Speciale PromoFirenze della Camera di Commercio di Firenze. L’analisi organolettica è stata approntata tramite protocollo per evidenziare gli aspetti salienti del frutto più apprezzati dal consumatore ed i mirtilli selvatici sono stati comparati sotto questo aspetto con i mirtilli giganti  coltivati e commercializzati da un’azienda della Montagna Pistoiese. Entrambe le tipologie di mirtillo (selvatico e coltivato) sono state caratterizzate dal sottoscritto dal punto di vista della pezzatura (peso, diametro ed altezza massimi), colore (L, a, b), durezza al durometro, RSR (°Brix) ed acidità titolabile (meq/100 g di polpa). Ulteriori mansioni hanno riguardato la messa a punto di protocolli per la motiplicazione delle piante di questa specie da seme e da materiale vegetativo. Il sottoscritto ha individuato tre differenti zone dell’Abetone rinomate per la raccolta dei frutti di mirtillo; all’interno delle 3 zone sono state scelte e delimitate con reti 5 sub-mirtillaie per la caratterizzazione delle qualità chimiche e pomologiche dei frutti ivi raccolti; per ciascuna sub-mirtillaia sono stati prescelti 3 cespugli di piante di Vacciniu myrtillus per le analisi genetiche RAPD.  Il sottoscritto ha prestato aiuto in laboratorio per la preparazione delle soluzioni del buffer di estrazione (CTAB) del DNA e dei gel di agarosio per le corse elettroforetiche di estratti di fragola e susino. Semi estratti da frutti di mirtillo selvatico fresco sono sono stati posti a germinare su differenti mezzi: terriccio acidofilo, terra di mirtillaia, Murashige & Skoog (MS) e MS modificato, a differenti condizioni ambientali (buio totale/fotoperiodo 18+6 e 15, 22 e 25 °C) e con differenti trattamenti ormonali (controllo, 2iP 24,6 e 48,2  µM; zeatina 9,8 e 18,6 µM). Il sottoscritto ha svolto prove di moltiplicazione di apici vegetativi e segmenti internodali su MS modificato con differenti trattamenti (controllo, 2iP 24,6 e 48,2  µM; zeatina 9,8 e 18,6 µM). Prove di radicazione sono state svolte su radici e rami di mirtillo selvatico con differenti trattamenti ormonali (IBA 10 o 20  µM), sotto mist in serra e in cella a 22 °C.

Da 2012 a 2013

Borsa di studio post laurea “Innovazione e tradizione della frutticoltura toscana: valutazione di cultivar di piccoli frutti e di fragola e caratterizzazione morfologica di accessioni di fruttiferi” presso DISPAA dell’Università di Agraria di Firenze. Il Sottoscritto ha analizzato frutti di fragolina (Fragaria vesca L.) dal punto di vista pomologico ed organolettico (panel test) presso i laboratori del Dipartimento e l’azienda Speciale PromoFirenze della Camera di Commercio di Firenze prelevati presso l’Azienda produttrice di piccoli frutti (lampone e mirtillo gigante) di Cireglio (PT). Il sottoscritto ha valutato l’adattabilità di questa specie in pieno campo e fuori suolo, all’aperto ed in serra automatizzata tramite sonde e centralina interna realizzata per l’occasione. In Collaborazione con PromoFirenze ha partecipato a tutti i lavori preparatori per stilare una scheda di assaggio di questa specie mai valutata prima dal punto di vista organolettico. Ulteriori attività hanno riguardato lo studio dell’adattamento di innovative specie di piccoli frutti: alkekengi, lamponi gialli, neri, uva del Giappone, ibridi di rovi (tayberry e boysenberry), corniolo, mirtillo siberiano presso un’azienda della Montagna Pistoiese dal 2013 al 2014. Il Sottoscritto diviene referente del gruppo di lavoro dell’Area Biodiversità per le attività di Open Lab. Il sottoscritto ha svolto docenza per il corso organizzato da Irecoop Toscana soc.coop.va a Pistoia per “Aggiornamenti per potatura alberi da frutto” (maggio 2013) all’interno del progetto SPINNAGRI.

25 maggio 2011

Docente presso il corso organizzato all’interno della sede della Coldiretti di Pistoia: Corso di qualifica per addetto alla coltivazione di piante arboree – COLTIVAR.

2009-2010

Borsa di studio “Individuazione di varietà e tecniche di coltivazione di mirtillo gigante e rovo nel territorio dell’Appennino Pistoiese” presso DISPAA dell’Università di Agraria di Firenze. Il Dott. Petrucci è stato incaricato di selezionare aziende agricole locali per l’avviamento alla coltivazione di piccoli frutti (mirtillo gigante, rovo, lampone) e fragola nell’areale della montagna Pistoiese. Individuate le aziende disponibli ed idonee sono stati effettuati sopralluoghi e analisi del suolo; una volta stabilite le specie idonee da coltivare il sottoscritto ha proveduto a contatattare i fornitori del materiale vegetale ed ha seguito da vicino la messa a dimora e la cura degli impianti; i frutti prodotti sono stati analizzati presso i laboratori del Dipartimento. I frutti sono stati analizzati per gli aspetti quali pezzatura (peso, altezza e diametro), colore, residuo secco rifrattometrico (°Brix), compattezza al durometro, pH ed acidità titolabile con soluzione di NaOH 0,1N (fino a pH 8,1). Nel 2010 il sottoscritto inizia a svolgere attività di laboratorio (Open Lab) in materia di scienze agrarie (Area Biodiversità) svolto nelle scuole per conto dell’associazione Tethys.

Bologna, 26 e 27 novembre 2014 (16 ore)

Il Sottoscritto ha seguito e superato l’esame finale del corso organizzato da Checkfruit: “Internal Auditor BRC Global Standard for food safety”. Il corso ha trattato le seguenti tematiche: Fondamenti di igiene e metodologia HCCP, Tecniche di Auditing, gestione dei rischi, certificazione BRC v.6

Bologna 8 e 9 ottobre 2014 (16 ore)

Il Sottoscritto ha seguito e superato l’esame finale del corso organizzato da Checkfruit: “Auditor Interno nel settore Ortofrutticolo”. Il corso ha trattato le seguenti tematiche: Fondamenti di igiene e metodologia HCCP, Tecniche di Auditing, stesura di manuali di autocontrollo, certificazione GlobalGAP v.4.

Bordeaux 25-28 marzo (20 ore)

Il Sottoscritto ha partecipato al corso presso EU Berry School organizzato presso l’INRA di Bordeaux Il corso ha affrontato argomenti riguardanti genetica, coltivazione, fisiologia e qualità dei piccoli frutti.

Montecatini (PT) 29-30 settembre 2014 e 6-7 ottobre 2014 (28 ore)

Il sottoscritto ha partecipato al “Corso base di quantum GIS” organizzato presso lo studio GIS3w di Lorenzetti W.&C SAS. Il corso ha affrontato argomenti inerenti la georeferenziazione e la gestione di file vettoriale e shapefile con il programma opensource Quantum GIS.

Conoscenze lingue

Buona conoscenza parlata e scritta (B2) Inglese e Spagnolo

Competenze comunicative

IL Sottoscritto possiede buone competenze comunicative maturate durante l’attività didattica di laboratorio svolta presso il DISPAA e le presentazioni orali svolte a congressi e seminari sui Piccoli frutti oltre che le attività di insegnamento nelle scuole svolte per conto dell’Associazione Tethys (Open Lab).

Competenze organizzative e gestionali

Il Sottoscritto possiede buone competenze organizzative maturate gestione dei campi pilota dislocati sull’Appennino Pistoiese, lavorando in completa autonomia ed operando da intermediario tra Università ed Aziende Agricole della zona. Il Sottoscritto ha fatto esperienza nella gestione del proprio gruppo di lavoro nello svolgimento delle attività di Open Lab nelle scuole per conto dell’Associazione Tethys.

 


 
ultimo aggiornamento: 16-Giu-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina